roller
  Comune d Europa Comunitą Virtuale Fondana Gemellata con Dachau  
Webmaster for Phpnuke 7.9 Copyright © 2014 by info@lacittadifondi.it.
Thema News_laCdF_1024-Copyright © 2014 by www.lacittadifondi.it.
Donate
english german french spanish brazilian russian japanese

ricerca-avvanzata
beny
  Registrati Index4  ·  Home  ·  Account  ·  Forum  ·  Video Chat  ·  Gallery  ·  All_News  ·  Invia News    
beny
Al momento non ci sono contenuti in questo blocco.

Menù
 Home
 Home
 Home II
 S. Angelo del Pesclo
 Mondo aurunco
 Egitto
 Meteo
 Meteo foreca
 News
 Archivio news
 Invia articolo
 Info
 Contattaci
 Segnalaci
 Telefoni utili
 Cerca
 Web link
 Pittori Poeti
 Dove Siamo
 Forum
 Vario eventuale
 Italiani nel mondo
 Comunitą
 Il tuo account
 Registrati
 Lista utenti
 Contenuti
 Servizi al cittadino
 Arte storia e cultura
 Ricezione turistica
 Extra Index
 Home II
 Altro index4
 Index Todos
 Statistiche
 Top
 Sondaggi
 Statistiche
 Video TV
 Rai TV & TG1
 Sport Interviste
 Virtual girls
 Nuke Tube
 Gallery
 Gallery
 Pił viste
 Relax
 Sudoku2
 Sudoku risolve
 Espande
 Dove siamo

Arte, storia e cultura
· Centro di Mediazione Familiare
· Indirizzi e numeri telefonici
· Ospitalità
· Sant'Onorato
· Cenni storici
· Cittadini illustri
· Castello Baronale
· Palazzo Baronale
· Chiese e santuari
· Quartiere Ebraico
· Castrum romano
· Terme romane
· Tempio di Iside
· Museo civico
· Cenni geografici
· Economia e lavoro
· Fondi di Gaetano Carnevale

Forum Ultimi 15 Post

 Giulia Gonzaga - premessa di Fernando Seconnino
 Lo Scisma d'Occidente
 le filatrici di Fondi
 Sant'Angelo del Pesclo
 Andersen a Fondi
 Sughi e Ragł - La cucina fondana nei ricordi
 Secondi piatti - La cucina fondana nei ricordi
 Primi piatti - La cucina fondana nei ricordi
 Premessa - La cucina fondana nei ricordi
 Pizze e focacce - La cucina fondana nei ricordi
 Piatti Unici - La cucina fondana nei ricordi
 Ortaggi e conserve - La cucina fondana nei ricordi
 Insalate - La cucina fondana nei ricordi
 Dolci e marmellate - La cucina fondana nei ricordi
 Contorni - La cucina fondana nei ricordi

MSA User Info
Benvenuto, Ospite
Nickname

Password

(Registrare)

Iscrizione:
più tardi: EverettSwe
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 4035

Persone Online:
Visitatori: 48
Iscritti: 0
Totale: 48

Pagine Visitate rid
Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2010

Pagine visitate
· Visitate oggi 1,273
· Visitate ieri 2,199

Media pagine visitate
· Oraria 108
· Giornaliera 2,595
· Mensile 78,932
· Annuale 947,187

Random Pictures Single


traduttore google
Al momento c'è un problema con questo blocco.

Cenni storici
Dalla preistoria ai tempi d'oggi




Il primo insediamento umano nei «pagi» disseminati nei valichi dei monti è da assegnarsi alla preistoria; il sorgere e il fiorire della città, però, massimamente dopo che fù distrutta «Amyclae» per opera di gente losca, è da attribuirsi alla metà del'VIII secolo a.C. (sebbene non manchino autori che discorrono di epoche più remote: sec. XIII a.C.). Una antica leggenda attribuisce ad Ercole la fondazione di Fondi, cinquant'anni prima della guerra di Troia. Si narra che in tempi remoti, più antichi della stessa Roma, Ercole, di ritorno dalle terre che stanno al di là dell'Oceano, dove aveva liberato i buoi di Gedeone, approdato sulle sabbie tirreniche, fu derubato dei suoi armenti  da Caco, mostruoso figlio di Vulcano, capace di emettere mortali fiamme dalla bocca. Per nulla intimorito, Ercole scovò il nascondiglio di Caco a due passi dalla foce del Tevere e si scagliò contro il predone inseguendolo verso sud, sino alla terra degli Ausoni dove lo raggiunse e uccise a colpi di clava. Per celebrare il successo dell'eroe e la liberazione dalla minaccia di di Caco, gli Ausoni, gente abilissima nel lavoro dei campi, eressero un tempio intorno al quale costruirono un villaggio e stabilirono un confine per i loro poderi. E podere in latino si dice fundus, plurale fundi. Oggi Fondi. La sua antichità è testimoniata delle robuste mura ciclopiche, tutt'ora esistenti, che chiudevano l'impianto urbano per un perimetro di 1550 metri. In epoca romana fu una città ricca e fiera, pur attraverso duri contrasti con Roma. Ad una influenza ellenica sulla popolazione seguì quella etrusca intorno al V secolo a.C. e più tardi, al declino della potenza etrusca tenne dietro il dominio dei Volsci. Il comportamento neutrale che Fondi tenne nelle lotte determinate dalla politica espansionista di Roma, le fece concedere la cittadinanza senza diritto di voto (338 a.C.), e poi la piena cittadinanza (188 a.C.) con l'aggregazione alla tribù Emilia. Caduto l'Impero Romano la città subì le calamità causate dalle invasioni barbariche, di Alarico prima (409), di Buccellino (454) e di Genserico dopo; seguendo le sorti della Penisola, fu assoggettata al potere bizantino verso il sec. VIII, e poi fu ceduta da Carlo Magno in potere di Roma. Sebbene decimata dai Longobardi, non cadde sotto il loro dominio. Durante le scorrerie operate dai Saraceni, Fondi fu varie volte messa a sacco e fuoco (846, 881), quindi ceduta nell'882 da Giovanni VIII ai duchi di Gaeta in cambio del loro impegno permanente di combattere i Saraceni in difesa della Campagna romana. La donazione fu confermata da Giovanni X nel 914 per l'appoggio che i gaetani avrebbero dovuto prestarenella battaglia del Garigliano (915), in cui i corsari furono definitivamente debellati. L'annessione di Fondi a Gaeta si protrasse fino a quando, intorno all'anno 935, i duchi Docibile II e Giovanni II effettuarono la divisione del ducato gaetano attribuendo il governo di Fondi a Marino I e riservando Gaeta a Giovanni II, così da formare due ducati indipendenti, di Gaeta e di Fondi. La serie dei duchi di Fondi iniziata con Marino I, si chiude con Pietro, console della città. Questa, asservita ai normanni e costituita in contea, fu assegnata alla famiglia dell'Aquila (1140 circa) di origine normanna, che la resse fino al 1299. Subentrò in quest'anno Roffredo III Caetani per il matrimonio contratto con Giovanna, ultimo rampollo della famiglia dell'Aquila. Sotto la signoria dei Caetani (1299-1504) la città raggiunse il massimo splendore. Di questa famiglia rimasero celebri: Roffredo III per il nuovo assetto dato alla città con la formulazione dei primi statuti e con la costruzione della seconda cinta muraria e del castello; Onorato I, fautore dello scisma d'Occidente che vide contrapporre al leggittimo pontefice Urbano VI l'antipapa Clemente VII eletto nella cattedrale di Fondi il 20 settembre 1387; Onorato II, la cui liberalità produsse una serie di artistici edifici, monumenti ed opere d'arte. Alla discesa di Carlo VIII in Italia i Caetani perdettero la contea, assegnata dal re francese a Prospero Colonna che subentrò definitivamente nel suo possesso nel 1504, dopo la conferma fattagli da Ferdinando il Cattolico in compenso dei servizi resigli nei conflitti tra Spagnoli e Francesi nell'Italia Meridionale. Con la morte del figlio di Prospero, Vespasiano, appare sulla scena la contessa Giulia Gonzaga seconda moglie di lui. Costei dotata di grande ingegno e di prodigiosa bellezza, trasformò il suo palazzo in centro di elevata cultura tanto da richiamare i più illustri personaggi del Rinascimento. La fama della sua prodigiosa bellezza fece accorrere il famigerato corsaro Kair-ed-din detto Barbarossa , che nella notte trà l'8 e il 9 agosto 1534 assalì la città per rapirvi la contessa onde farne dono al sultano Solimano II. I perversi disegni fallirono perchè la Gonzaga, avvertita in tempo da due gaetani che provenivano da Sperlonga dove il Barbarossa era sbarcato, si diede alla fuga. Il mancato ratto spinse il corsaro a sfogare mla sua rabbia su Fondi, col trucidare gli abitanti, dopo aver saccheggiata e incendiata la città. Il matrimonio tra Isabella Colonna, figlia di Vespasiano, e Luigi Gonzaga, fratello di Giulia (1531), produsse il passaggio del feudo ai Gonzaga, di cui l'ultima erede, Isabella Gonzaga andò in sposa a Luigi Carafa di Stigliano. Discendente di questa famiglia la contessa Anna, si rese celebre per aver sollevato, con radicale opera di bonifica, le sorti della città, caduta in abbandono per i sopraggiungere della malaria dovuta al ristagno delle acque nella piana. Sotto i nuovi feudatari conti di Mansfeld che ebbero in dono Fondi con il titolo di principi nel 1690 dal Re Carlo d'Austria (costui potè disporre della contea a causa della estinzione del ramo Carafa di Stigliano), ritorno il morbo malarico. Nuove calamità (la duplice invasione francese nel 1799 e 1806, la susseguente piaga del brigantaggio) si aggiunsero sotto la famiglia Sangro che comprò il feudo dai Mansfeld e che lo tenne fino all'abolizione delle feudalità (1806), quando Fondi entrò nel nuovo ordinamento comunale. Al Risorgimento italiano seguì un incessante progresso della città tanto da farla annoverare tra i centri più fiorenti della giovane provincia di Latina.









Copyright © by La Citta di Fondi Tutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2007-02-28 (1031 letture)

[ Indietro ]
Content ©
Thema News_laCdF_1024 - Copyright © 2008 by www.mofert.com
Informativa - Cookie e Privacy
 
  Siti base Alcuni link blogsport Prove tecniche
  mofert.com
lacittadifondi.it
TV Live e On Domand
Fondi
FondiTV
Telepazzie
FondiTV.blogspot
TelePazzie.blogspot
BibioneTV.blogspot
Mofert.blogspot
Over-diciotto.blogspot
postpast
lacittadifondi.it/blog
mofert/blog
mofert/photo
mofert.com/webcam