roller
  Comune d Europa Comunitą Virtuale Fondana Gemellata con Dachau  
Webmaster for Phpnuke 7.9 Copyright © 2014 by info@lacittadifondi.it.
Thema News_laCdF_1024-Copyright © 2014 by www.lacittadifondi.it.
Donate
english german french spanish brazilian russian japanese

ricerca-avvanzata
beny
  Registrati Index4  ·  Home  ·  Account  ·  Forum  ·  Video Chat  ·  Gallery  ·  All_News  ·  Invia News    
beny
Al momento non ci sono contenuti in questo blocco.

Menù
 Home
 Home
 Home II
 S. Angelo del Pesclo
 Mondo aurunco
 Egitto
 Meteo
 Meteo foreca
 News
 Archivio news
 Invia articolo
 Info
 Contattaci
 Segnalaci
 Telefoni utili
 Cerca
 Web link
 Pittori Poeti
 Dove Siamo
 Forum
 Vario eventuale
 Italiani nel mondo
 Comunitą
 Il tuo account
 Registrati
 Lista utenti
 Contenuti
 Servizi al cittadino
 Arte storia e cultura
 Ricezione turistica
 Extra Index
 Home II
 Altro index4
 Index Todos
 Statistiche
 Top
 Sondaggi
 Statistiche
 Video TV
 Rai TV & TG1
 Sport Interviste
 Virtual girls
 Nuke Tube
 Gallery
 Gallery
 Pił viste
 Relax
 Sudoku2
 Sudoku risolve
 Espande
 Dove siamo

Arte, storia e cultura
· Centro di Mediazione Familiare
· Indirizzi e numeri telefonici
· Ospitalità
· Sant'Onorato
· Cenni storici
· Cittadini illustri
· Castello Baronale
· Palazzo Baronale
· Chiese e santuari
· Quartiere Ebraico
· Castrum romano
· Terme romane
· Tempio di Iside
· Museo civico
· Cenni geografici
· Economia e lavoro
· Giudea di G. Carnevale
· Fondi di G. Carnevale
· Oratorio di S. Filippo Neri

Forum Ultimi 15 Post

 Lentamente muore - poesia di Martha Medeiros
 Noialtre donne di Gabriele Prignano
 Donne del Sud di Albino Cece
 Fondi campane di Santa Maria
 Giulia Gonzaga - premessa di Fernando Seconnino
 Lo Scisma d'Occidente
 le filatrici di Fondi
 Sant'Angelo del Pesclo
 Andersen a Fondi
 Sughi e Ragł - La cucina fondana nei ricordi
 Secondi piatti - La cucina fondana nei ricordi
 Primi piatti - La cucina fondana nei ricordi
 Premessa - La cucina fondana nei ricordi
 Pizze e focacce - La cucina fondana nei ricordi
 Piatti Unici - La cucina fondana nei ricordi

MSA User Info
Benvenuto, Ospite
Nickname

Password

(Registrare)

Iscrizione:
più tardi: EverettSwe
News di oggi: 0
News di ieri: 0
Complessivo: 4035

Persone Online:
Visitatori: 69
Iscritti: 0
Totale: 69

Pagine Visitate rid
Abbiamo avuto
pagine viste dal
Gennaio 2010

Pagine visitate
· Visitate oggi 374
· Visitate ieri 1,393

Media pagine visitate
· Oraria 108
· Giornaliera 2,594
· Mensile 78,909
· Annuale 946,902

Random Pictures Single


traduttore google
Al momento c'è un problema con questo blocco.

Fondi di G. Carnevale
Ai piedi dei Monti Ausoni si distende fino al mare di Ulisse.



Fondi di Gaetano Carnevale


Ai piedi dei Monti Ausoni si distende fino al mare di Ulisse e di Enea una Piana alluvionale, costellata di laghi e solcata da corsi d’acqua, abitata dalla preistoria. Come dimostrano i manufatti, soprattutto in ossidiana, ritrovati lungo le sponde del Lago di Fondi. Dove la leggenda narra di Amiclae, i cui abitanti, seguaci della dottrina pitagorica della metempsicosi, furono dispersi da un’invasione di serpenti.

Ma, l’insediamento umano della Piana ha origine anche dalle colline e dai monti circostanti. Dalle alture di Passignano, innanzitutto, in cui è stato scoperto un castelliere dell’età del ferro, ricovero di pastori e greggi, risalente al XII-X secolo a.C.

Dalla fusione di popoli di montagna e di mare probabilmente nacquero le prime mura ciclopiche, entro le quali visse e prosperò la gente italica degli Ausoni.

Alle mura megalitiche, di cui resta qualche reperto, si sostituirono quelle poligonali, ancora visibili in viale Marconi, e l’opus reticulatum incertum romano.

Durante la civiltà di Roma la città fu splendida di templi e palazzi. Il suo stesso impianto urbanistico, il castrum, mantiene ancora oggi intatti i suoi decumani e cardini. Lo splendore della “Urbs Fundorum” derivava dalla sua ricca economia agricola ed artigianale. La Piana esportava il suo celeberrimo vino Cecubo, prodotto nelle “villae” patrizie, che si disponevano sulle colline di S. Raffaele fino alla Grotta di Tiberio a Sperlonga, in tutto il Mediterraneo.

Alla stessa civiltà romana diede alcuni figli illustri: Livia imperatrice, moglie di Augusto, e madre di Tiberio, nato sulle colline di Fondi e l’imperatore Galba.

In epoca cristiana, una delle prime sedi vescovili d’Italia, esprime il 13° papa con S. Sotero. Alle falde del Monte Arcano nasce una comunità monastica con S. Onorato, che fa del lavoro e della preghiera, prima di S. Benedetto, la principale regola religiosa.

I secoli bui del Medioevo travolgono la città, saccheggiata e distrutta da Goti, Bizantini, Alemanni e Franchi. A differenza della maggior parte delle città antiche che si trasferiscono sulle alture, Fondi rimane lì dove l’ha voluta il mitico eroe Ercole.

Saranno le famiglie dei Dell’Aquila e dei Caetani a farla risorgere fino a partecipare alla “rivoluzione” artistica e civile dell’Umanesimo e Rinascimento con la corte di Giulia Gonzaga Colonna.

I Dell’Aquila innalzeranno il Castello, il “Gigante buono”, simbolo della città. Nel monastero di S. Magno i frati illustrano rotoli liturgici di rara bellezza. Ne è testimonianza lo splendido ed eccezionale ”Exultet” di Fondi, conservato nella Biblioteca Nazionale di Parigi.

Con i Caetani, soprattutto con Onorato II, la città, “capitale” di una vasta contea, che va dal Garigliano ai centri dei Monti Lepini, si arricchisce di monumenti “unici” nel Basso Lazio: i complessi conventuali di S. Francesco e S. Domenico, l’ospizio sacro di S. Bartolomeo, la chiesa ad aula della Madonna del Soccorso, la Collegiata di S. Maria e le fiabesche ed incantevoli architetture arabo-catalane del Palazzo del Principe dell’architetto Matteo di Forcimanya di Palma di Maiorca.

La cattedrale di S. Pietro accoglie nuove opere pittoriche di Antoniazzo Romano, Giovanni da Gaeta, Cristofaro Scacco e Giulio Romano. Sculture notevoli di Arnolfo di Cambio e Tino di Camaino sono collocate sulle facciate e nelle cappelle gentilizie.

Per alcuni mesi Fondi diventa centro della cristianità. Nel 1378, infatti, 13 cardinali eleggono al trono di Pietro il ginevrino Clemente VII, in opposizione al papa di Roma Urbano VI. E’ il periodo del “Grande Scisma d’Occidente”.

Intanto, nel quadrante nord-est dell’antico castrum si è insediata da secoli una comunità ebraica, che costruisce il suo quartiere secondo le regole del sacro libro della “Mishnà”. Ne viene fuori un angolo della città suggestivo e singolare per le sue stradine “a baionetta”, per le ziqquah, per i cortili e per le scalinate delle abitazioni tutte rivolte verso un unico riferimento, la sinagoga.

Con la corte di Giulia Gonzaga, vedova di Vespasiano Colonna, la contea diventa anche un centro della Riforma cattolica. A Fondi arrivano pittori, scrittori, poeti, cardinali e teologi, tutti orientati a riformare la Chiesa sull’esempio di Martin Lutero.

Tanto fervore, però, viene interrotto tragicamente dall’incursione del pirata magrebino Kair-ed-Din, il Barbarossa, che intende rapire Giulia Gonzaga, la donna più bella del Mediterraneo e farne dono al Sultano Solimano II il Magnifico.

Inizia un periodo di decadenza inarrestabile. La città è invasa dalla palude. Si svuota dei suoi abitanti. Sta per essere sepolta, come Amiclae, dal fango e dalle canne palustri. I pochi abitanti rimasti e le popolazioni dei paesi vicini e dell’Abruzzo la ripopolano, ingaggiando una lunga e de-faticante lotta contro acquitrini e malaria. L’opera di bonifica iniziata nel XVII secolo si concluderà nella prima metà del 1900. Nei terreni sottratti alle acqua malsane sorgono contrade ed agglomerati urbani. Una più florida economia agricolo-commerciale, basata sugli aranci, porta il nome di Fondi sui mercati nazionali ed europei. Una fascia costiera di 13 chilometri circa ospita strutture ricettive per un turismo di massa. L’antico centro storico continua ad esercitare il suo fascino italico, romano, medievale, arabo e rinascimentale su visitatori attenti a cogliere le peculiarità e l’identità della storia plurimillenaria di una città sorta e cresciuta sempre su se stessa. E che riesce ad esprimere eccellenti ingegni umani in tutti i campi dell’arte: Giuseppe De Santis, Pasqualino De Santis, Giuseppe Rotunno, Leopoldo Savona nel cinema; Libero De Libero, nella poesia; Domenico Purificato e Riccardo Manzi nella pittura e nel disegno; Dan Danino Di Sarra nella letteratura orientale.
Gaetano Carnevale









Copyright © by La Citta di Fondi Tutti i diritti riservati.

Pubblicato su: 2017-10-19 (32 letture)

[ Indietro ]
Content ©
Thema News_laCdF_1024 - Copyright © 2008 by www.mofert.com
Informativa - Cookie e Privacy
 
  Siti base Alcuni link blogsport Prove tecniche
  mofert.com
lacittadifondi.it
TV Live e On Domand
Fondi
FondiTV
Telepazzie
FondiTV.blogspot
TelePazzie.blogspot
BibioneTV.blogspot
Mofert.blogspot
Over-diciotto.blogspot
postpast
lacittadifondi.it/blog
mofert/blog
mofert/photo
mofert.com/webcam